Archivi categoria: Articoli

Salviamo la Cultura! Lettera al Premier Letta. La spedite anche voi?

Caro Signor Presidente del Consiglio, 

Intanto desidero farLe i complimenti: da tanto tempo in Italia non si vedeva una compagine di Ministri così appassionati, competenti ed efficaci nella volontà di risolvere i problemi della situazione culturale ed educativa nazionale. Con questo Governo, e con l’operato dei Ministri Bray e Carrozza, si è finalmente ricominciato a pensare che Cultura, Scuola e Ricerca siano i veri motori dello sviluppo del nostro Paese.

Il problema però sono sempre i soldi, che non ci sono, né per i Teatri né per le Scuole.

In Portogallo è stata approvata recentemente una legge che offre la Green Card, cioè il primo passo verso la Cittadinanza, a tutti gli stranieri, ovviamente in regola con la legge, che comprino almeno 500.000 euro di terra in Portogallo. Ho personalmente incontrato in Cina diversi imprenditori il cui unico lavoro in questo momento è quello di vendere terra portoghese. Solo in Cina ci sono almeno 10 milioni di persone che desiderano – ed avrebbero i mezzi per farlo – investire tali cifre ed avere la Green Card di un Paese europeo.

Ebbene propongo che il Governo Letta proponga a sua volta un Disegno di Legge che offra la Green Card a tutti gli stranieri che, in regola con la legge del proprio Paese, offrano sostegno ai Teatri Italiani, o ai Beni Culturali o alle Università o alla Ricerca, per almeno un trienno, con una cifra minima di 100.000 euro annuali.

Posso garantire che il sistema Culturale, Educativo e Scientifico Nazionale si assicurerebbe nel primo triennio almeno 6 miliardi di euro, ipotizzando che aderiscano all’iniziativa solamente 6000 individui all’anno, 20 al giorno.

Ma non solo, attrarre questi investimenti significherebbe anche poi facilitare l’investimento degli stranieri in altri settori, invogliare gli stranieri a fare business in Italia.

È difficile per noi immaginare come in questi grandi paesi – come la Cina, ma non solo, direi tutta l’Asia – possa fare comodo una Green Card che facilita l’ottenimento della cittadinzanza italiana. Quanti ricchi imprenditori cinesi ho conosciuto io che hanno cittadinanza negli Usa o nel Brasile!!! Ben pochi, devo dire, hanno la cittadinanza europea!

Adesso vorrei chiedere a tutti gli amici di Facebook e Twitter di fare qualcosa per questo: scaricare il testo della lettera e mandarlo, via posta, a Enrico Letta, Palazzo Chigi, Roma.

Annunci

Scambio tra Italia e Cina: incontro col Ministro Maria Chiara Carrozza

Carissimi,

domani incontrerò a Roma Maria Chiara Carrozza, Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Insieme discuteremo su come incentivare i rapporti tra Italia e Cina, coinvolgendo anche le Università italiane nel progetto che sto portando avanti insieme ad altri nomi illustri dell’Arte e della Cultura Italiana. Potete trovare tutte le informazioni sul sito Conservatorio Italia Academy.

Cultural center Tianjin

Si tratta – volendovi dare qualche anticipazione – dell’apertura di sedi di conservatori italiani a Tianjin, una delle quattro grandi municipalità della Cina (conta oltre 12 milioni di abitanti). In queste sedi (nella foto potete vedere il progetto) gli iscritti ai corsi avranno l’opportunità di seguire lezioni tenute da cantanti, compositori, musicisti italiani, che già hanno esperienza nei Conservatori italiani e nelle scuole internazionali.  È una buona opportunità per internazionalizzare ulteriormente l’Arte italiana, coinvolgendo anche Istituti che vantano una lunga tradizione e autorevolezza sul nostro territorio.

Sarà, come sempre, mia premura aggiornarvi.

Un abbraccio,

AV

New York New York

Carissimi,

in questi giorni, tra un’Opera e l’altra al Festival Puccini, sono volato a New York per dare vita ad un progetto, per l’Italia, per i giovani e per la Musica.  Un progetto che vede la collaborazione tra la Columbia University – Italian Academy for Advanced studies e The Opera Orchestra of New York, di cui sono “Musical Director”. Stiamo organizzando un Concorso per cantanti lirici che si chiamerà “Agnes Varis Opera Orchestra of New York Competition for american and italian singers”. Quest’anno realizzeremo un’edizione “pilota”, con la finale prevista per il 3 dicembre, giorno in cui i vincitori si esibiranno in concerto. I tempi sono molto stretti, ma dalla nostra parte abbiamo un grande entusiasmo e l’esperienza dei soggetti che partecipano al progetto: la Agnes Varis Foundation (che finanzia), l’Opera Orchestra of New York (che organizza), La Sapienza Foundation (per le borse di studio). Stiamo lavorando al fine di coinvolgere altri enti. Sarà mia premura darvi ulteriori dettagli, passo dopo passo.

Per ora un abbraccio e qualche foto da New York.

AV

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il belcanto in Cina

Sette_page

Sul numero di Aprile del Settimanale “Sette”, del “Corriere della Sera” l’articolo dedicato alla Tosca che ho diretto il 22 marzo in Cina, in occasione dell’inaugurazione del Gran Teatro di Tianjin.

Con i suoi quasi 4.000 posti divisi in 4 sale, è il più grande e moderno Teatro della Cina, con sei palcoscenici mobili ed elettronici e una torre scenica con più di mille proiettori luce. Esso nasce all’interno di un Cultural Centre di 80 ettari, che comprende un parco, un lago, la fontana musicale più grande del mondo, tre musei nazionali, una biblioteca nazionale e un centro per i giovani.

Tianjin, a 90 km a est di Pechino, raggiungibile in 25 minuti via treno, è la terza città della Cina, con i suoi 18 milioni di abitanti e una economia che cresce a un ritmo del 16 per cento l’anno.

Questa città-stato, regione autonoma, in cui negli anni 20 e 30 è sorto un protettorato italiano in un quartiere ancora oggi visitabile, ha celebrato, con questo evento, la rappresentazione della prima opera lirica occidentale nella sua storia millenaria.